miscellanea

miscellanea

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image


  • Teatro sociale ante litteram

    Nel 1956 la compagnia realizza un progetto di teatro-carcere ante litteram presso il Penitenziario di Porto Azzurro sull’Isola d’Elba.
    A seguito della richiesta perventuta alla compagnia da alcuni reclusi che chiedono in regalo vecchie marionette per potersi esercitare a quest’arte, Gianni e i fratelli Antonio e Alessandro decidono di recarsi presso il penitenziario per rappresentare uno spettacolo marionettistico che prevede diverse repliche per i detenuti; viene inoltre messo in opera un laboratorio teatrale in cui i detenuti apprendono i rudimenti dell’arte marionettistica.
    La preparazione artistica e burocratica del progetto dura due anni e ciò è reso possibile, per quanto riguarda l’acquisto e la realizzazione del materiale artistico e tecnico dall’appoggio economico del sindaco di Milano Virgilio Ferrari, del direttore del Piccolo Teatro Paolo Grassi, della Sovraintendenza del Teatro alla Scala.
    A conclusione di questa esperienza tutto il materiale rimane in possesso del penitenziario.

  • La favola del figlio cambiato di Luigi Pirandello

    Nel 1957 la compagnia prende parte allo spettacolo La favola del figlio cambiato di Luigi Pirandello con la regia di Orazio Costa, che debutta a Milano al Piccolo Teatro.

  • Macbeth di William Shakespeare

  • La leggenda di Liliom di Ferenc Molnar

  • La tempesta di William Shakespeare

    Nel 1959 la compagnia inaugura una collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano e realizza con gli studenti di scenografia scene e marionette degli spettacoli Macbeth di William Shakespeare e La leggenda di Liliom di Ferenc Molnàr, che debuttano presso la basilica romana sull’Isola Comacina (Lago di Como).
    Nel 1960 la collaborazione con l’Accademia conduce all’allestimento dello spettacolo La tempesta di William Shakespeare che debutta presso il teatro interno dell’Accademia.

  • El retablo de Maese Pedro di Manuel de Falla

    Nel 1970 la compagnia prende parte all’opera El retablo de Maese Pedro di Manuel De Falla che inaugura a Milano la stagione della Piccola Scala, direttore Mario Gusella. L’opera sarà ripresa sempre a Milano presso la Sala Grande del Conservatorio Giuseppe Verdi, direttore Peter Keuschnig (1977) e a Bari presso il Teatro Petruzzelli, direttore Alberto Zedda (1981).

  • Astrattismo e marionette: la collaborazione con Luigi Veronesi

    Nel 1981 debutta a Milano alla Piccola Scala lo spettacolo Histoire du soldat di Igor Stravinski; l’esecuzione musicale è affidata a sette strumentisti dell’orchestra scaligera diretti da Evelino Pidò, la regia è di Ugo Gregoretti.
    Il triplice ruolo del narratore, diavolo, soldato è interpretato da Flavio Bonacci.
    Lo spettacolo segna l’inizio di una lunga collaborazione con il pittore astrattista Luigi Veronesi che ne disegna scene e marionette.
    Histoire du soldat verrà ripreso sempre a Milano al Salone Pierlombardo (oggi Teatro Franco Parenti) nella rassegna La Scala per i Bambini, Seconda e Terza Stagione di Teatro Musicale per Bambini e Ragazzi 1987-88 e 1988-89; direttore Cesare Alfieri, regia di Ugo Gregoretti.
    Il triplice ruolo del narratore, diavolo e soldato è interpretato da Ferruccio Soleri.
    Luigi Veronesi disegna le scene e le marionette degli spettacoli: La regina della neve di Hans Christian Andersen e sceneggiato da Gianni Colla e Alessandro Bajini (1982); Il drago di Eugenji Schwarz (1984); La sirenetta di Hans Christian Andersen (1987); Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare, con musiche di scena di Felix Mendelssohn-Bartholdy e sceneggiato da Alessandro Bajini (1991).
    Quest’ultimo spettacolo debutta a Milano al Teatro dell’Elfo (oggi Teatro Ciro Menotti) nella rassegna La Scala per i Bambini, Quinta Stagione di Teatro Musicale per Bambini e Ragazzi 1990-91; la regia è di Stefano Vizioli.

  • Viaggio a Reims di Gioacchino Rossini

    Nel 1984 la compagnia prende parte all’opera Viaggio a Reims di Gioacchino Rossini, che inaugura a Pesaro il Rossini Opera Festival; si tratta di una prima mondiale in quanto l’ultima esecuzione della partitura risale a 159 anni prima. Le scene sono di Gae Aulenti, la regia è di Luca Ronconi, il direttore è Claudio Abbado. L’opera sarà ripresa a Milano presso il Teatro alla Scala Stagione 1984/85 (1985); a Vienna (Austria) presso Wiener Staatsoper Stagione 1987/88 – 1988/89 (1988 e 1989); a Tokyo (Giappone) presso Bunka Kaikan Hall, Tournée della Wiener Staatsoper (1989); a Ferrara presso il Teatro Comunale, Ferrara Musica - Bicentenario dalla nascita di Rossini (1992); a Pesaro presso il Teatro Rossini, Rossini Opera Festival - Bicentenario dalla nascita di Rossini (1992); a Pesaro presso il Palafestival, Rossini Opera Festival (1999); a Bologna presso il Teatro Comunale (2001). Le ultime due edizioni con la direzione del M° Daniele Gatti.

  • Fondo Teatro Colla

    Nel 2010 Francesca e Cosetta Colla, figlie di Gianni, hanno concesso in comodato d’uso gratuito all’Università degli Studi di Milano, tutto il materiale riguardante copioni, carteggi, bozzetti, foto, documentazione sugli spettacoli e 30 marionette, che costituiscono oggi il Fondo Teatro Colla, custodito presso il Centro APICE, Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale.
    Il Fondo è disponibile per consultazione presso la sede di APICE.